SIMULAZIONE COMPLETA (80 quiz)


Test di Cultura generale e Ragionamento logico


1. “[ ... ] Don Abbondio non ha il coraggio del proprio dovere: ma questo dovere, dalla nequizia altrui, è reso difficilissimo, e perciò quel coraggio è tutt'altro che facile; per compierlo ci vorrebbe un eroe. Al posto d'un eroe troviamo don Abbondio [ ... ] che però non è comico soltanto, ma schiettamente e profondamente umoristico. [...] ridendo di lui e compatendolo allo stesso tempo, il poeta viene anche a ridere amaramente di questa povera natura umana inferma di tante debolezze [ ... ] Gran cosa, come si vede, avere un ideale - religioso, come il Manzoni; cavalleresco, come il Cervantes - per vederselo poi ridurre dalla riflessione in don Abbondio e in don Quijote. Il Manzoni se ne consola, creando accanto al curato di villaggio Fra Cristoforo e il Cardinal Borromeo; ma è pur vero che, essendo egli soprattutto umorista, la creatura sua più viva è quell’altra, quella cioè in cui il sentimento del contrario s’è incarnato.”
Pirandello, Saggio sull’umorismo
Quale delle osservazioni suggerite dalle parole di Pirandello NON È SUFFRAGATA dal testo proposto?

A) Vi sono casi in cui per resistere alla malvagità ci vorrebbe un coraggio eroico, che non è di tutti

B) Don Abbondio suscita nel lettore, insieme al riso, un sentimento di compassione per la sua
debolezza di fronte alla prepotenza altrui


C) Nei Promessi Sposi le figure che incarnano una fede coraggiosa, che sa resistere alla violenza, si contrappongono a don Abbondio ma non appaiono vive come lui

D) Don Quijote è l’effetto prodotto in Cervantes dalla riflessione esercitata sull’ideale cavalleresco

E) La prospettiva umoristica di Manzoni assolve moralmente don Abbondio in nome della natura umana, inferma di tante debolezze



2. Nel 1945 a Yalta si riunirono i capi delle maggiori potenze tra quelle che avevano vinto la guerra. Quali erano? 

A) Roosevelt, Stalin e De Gaulle

B) Truman, Stalin e Churchill

C) Roosevelt, Lenin e Churchill

D) Roosevelt, Stalin e Churchill

E) Truman, Stalin e De Gaulle



3.
Gli idoli, si sa, sono destinati prima o poi a finire nella polvere. Jacques Lacan, il famoso psicanalista scomparso nel 1981, non ha fatto eccezione. [...] Per Maria Pierrakos, infatti, Lacan era un uomo arrogante e distante che in dodici anni, pur vedendola tutte le settimane, non le ha mai rivolto la parola. L’ex stenotipista (che dal ’67 al ’79 ha avuto l’incarico di trascrivere tutti i seminari del Maestro) lo dipinge come “un caposcuola divorato da un narcisismo assoluto”, un uomo “intelligentissimo e manipolatore che ha soggiogato gli intellettuali del suo tempo”.
Fabio Gambaro, Che impostore quel Lacan, La Repubblica, 20/4/2004
 
UNA SOLA delle seguenti argomentazioni in difesa di Lacan PUÒ ESSERE ACCETTATA, se prendiamo per veri i fatti  che Maria Pierrakos riferisce e i giudizi che esprime.
 

A) Se Lacan ha influenzato fortemente gli intellettuali del suo tempo, certamente ciò che diceva non era di poco conto

B) Maria Pierrakas era un’allieva senza nessun compito particolare, che non ha saputo entrare in
relazione con il maestro, e che con questo libro si è vendicata


C) L’insegnamento non stava a cuore a Lacan, come dimostra il fatto che egli non ha fondato alcuna scuola

D) Se Lacan è diventato per molti un idolo, ciò è avvenuto suo malgrado: egli era del tutto incurante dell’impressione che faceva sugli altri

E) Non era superbia quella di Lacan. La verità è che egli viveva in un suo mondo, senza interesse per il prossimo



4. "Non essendosi potuto fare in modo che quel che è giusto fosse forte, si è fatto in modo che quel che è forte fosse giusto" - "Non essendosi potuto render forte la giustizia, si è giustificata la forza"
Pascal, Pensieri
I pensieri citati di Pascal possono essere definiti:

A) affermazioni di principi etici

B) riflessioni sulla storia dell’umanità

C) aforismi filosofici

D) valutazioni comportamentali individuali

E) ammonizioni morali



5. Quanti dei seguenti ragionamenti risultano logicamente attendibili?
 
 PRIMO RAGIONAMENTO  
  Ogni volta che conquista una vetta, Messner si concede una bella bevuta.
  Adesso ha appena conquistato una vetta.
  Dunque si concederà una bella bevuta.
 
 SECONDO RAGIONAMENTO  
  Ogni volta che vince il Tour de France, Armstrong si concede una bevuta.
  Adesso si concede una bevuta.
  Dunque ha appena vinto il Tour de France.
 
 TERZO RAGIONAMENTO  
  Rossi ha appena vinto una gara.
  Ogni volta che vince una gara, Rossi fa impennare la moto.
  Dunque adesso Rossi farà impennare la moto.
 
 QUARTO RAGIONAMENTO
  Bearzot sta fumando la pipa.
  Dopo aver vinto una partita, Bearzot fuma sempre la pipa.
  Dunque Bearzot ha appena vinto una partita.

A) due

B) tre

C) una

D) tutte

E) nessuna



6.

“Leggendo che cinque milioni di pensionati percepiscono al lordo meno di 500 euro al mese, e immaginando che la gran parte di loro siano sposati, mi sono chiesto come mai in Italia questi dieci milioni di settantenni poveri non abbiano ancora organizzato la marcia su Roma (1) dei vecchietti. E, aiutati magari dai figli e dai nipoti, non facciano scoppiare il Sessantotto al contrario, con bivacchi e occupazioni, e non scaglino le loro dentiere contro i politici allo stesso modo in cui Enrico Toti (2) scagliò la sua stampella.
Se si mette da parte l’indignazione, che è una pessima consigliera, soprattutto nel giornalismo, ci si accorge che questi vecchietti poveri sono per la gran parte esercenti, venditori ambulanti, lavoratori autonomi, gestori di bar, meccanici, panettieri e pescivendoli. Costituiscono insomma quel “tessuto” sociale così fitto soprattutto nelle città meridionali, da Catania sino a Roma. E' l’Italia straordinariamente vasta del piccolo commercio al dettaglio. E trattandosi di settantenni è chiaro che stiamo parlando del boom economico, quell’Italia furba che si rimboccava le maniche, l’Italia estrosa ed estroversa ma cafona e illegale, quella che si dava da fare in tutti i modi e mai si fidava dello Stato che, per chi veniva dalla seconda guerra mondiale (3), era lo Stato dell’otto settembre (4) e del tutti a casa, lo Stato del privilegio sbracato e dell’ingiustizia di classe.
Quest’esercito di pensionati è dunque in gran parte ciò che resta dell’Italia che dichiarava un reddito inferiore a ciò che effettivamente percepiva, che si arrangiava e risparmiava, e investiva costruendo dovunque case di ogni genere, sempre affidate ai geometri e mai agli ingegneri, l’Italia dell’illegalità diffusa che sempre era in guerra con lo Stato e perciò evadeva le tasse ed era orgogliosa di evaderle. E se oggi quegli ex giovanotti settantenni percepiscono pensioni così ridicole è anche perché versavano contributi più bassi di quelli che avrebbero dovuto versare in base al reddito effettivo.
Sono dati questi sulle pensioni che, invece di indignare, dovrebbero favorire l’intelligenza di un Paese complicato e dovrebbero metterci in guardia dalle crociate (5) moralistiche contro un’evasione fiscale che non era composta solo dall’evasione del ricco, dai conti in nero dell’imprenditore truffatore o del boss mafioso. C’è stata in questo Paese un’evasione fiscale diffusa alla quale si deve la protezione del piccolo benessere e la vitalità del piccolo risparmio, un’evasione che ha garantito il futuro molto più e molto meglio della pensione. Molti di quei ragazzi che evadevano sono oggi vecchietti poveri ma tranquilli che non assaltano i supermercati e si accontentano di pensioni insufficienti a pagare affitto, acqua, luce e telefono, proprio perché hanno assicurato, grazie all’evasione fiscale, una casetta (abusiva e sanata) a se stessi e magari pure ai figli.”
Da Francesco Merlo, Il paradiso dei vecchietti in nero

Tra le seguenti considerazioni che riassumono alcune delle tesi sostenute da Francesco Merlo individuate QUELLA CHE TRAVISA il pensiero dell’autore:


A) è perfettamente comprensibile che molti attuali ultrasettantenni, che hanno vissuto il dramma della guerra, lo sbandamento dopo l’armistizio e le difficoltà del dopoguerra, non abbiano nutrito nella loro giovinezza grande fiducia nello Stato

B) gli Italiani, negli anni del dopoguerra e del boom economico, si diedero da fare con slancio e con estro, senza eccessivi scrupoli, risparmiando, investendo e costruendo case spesso abusive, che negli anni successivi sarebbero state prima o poi soggette a sanatoria

C) soprattutto nel Meridione, l’evasione fiscale e l’abitudine di eludere le norme, diffusa tra piccoli commercianti ed esercenti, ha favorito modesti risparmi e permesso quella sicurezza e quel minimo di benessere di cui ora godono pensionati che altrimenti sarebbero alla fame

D) quando si scopre quanti sono i pensionati a meno di 500 euro lordo al mese, viene naturale chiedersi come mai essi non si ribellino e vivano poveri ma tranquilli: messa da parte
l’indignazione, la riflessione su questo fenomeno ci può permettere di comprendere meglio il
nostro Paese


E) le pensioni basse che gli attuali “vecchietti” percepiscono dipendono dallo scarso
riconoscimento, da parte dello Stato, del lavoro che essi hanno svolto e dalla svalutazione dei
contributi, a loro tempo consistenti, che essi hanno pagato




7.

(La pediatra Helen Taussig) essendo stata la prima persona a descrivere il quadro clinico delle varie forme di malattia congenita del cuore, più di chiunque altro al mondo conosceva i particolari complessi della cura di questi pazienti. [...] Io credo che la chirurgia pediatrica, nella sua struttura complessiva, si intrecci nella trama della vita dei suoi pazienti più di tutte le altre sottospecializzazioni che stanno fiorendo e in cui ora è suddivisa l’Arte: essa è un esempio per tutti coloro che vogliono essere dei veri medici, che abbiano fatto tirocinio per diventare nefrologi, chirurghi microvascolari o radiologi da sala operatoria, o che appartengano alle altre branche non ufficiali della medicina moderna. Le sue fila sono ricche di uomini e donne, i cui rapporti con i pazienti e le loro famiglie sono la prova che è possibile essere di fatto un medico di un essere umano malato, e non essere un dottore per un singolo organo o una singola malattia.
Ma non incorriamo in errore. [...] Qui si tratta di specialisti altamente qualificati che capiscono, grazie all’esperienza quotidiana, che non esiste alcun conflitto tra i metodi tecnocratici della medicina moderna e il fatto di prendersi cura dei nostri fratelli e delle nostre sorelle malate.
Sherwin B. Nuland , Storia della medicina

Su QUALE di queste considerazioni NON SAREBBE D’ACCORDO Sherwin Nuland? 


A) È un errore non attribuire importanza alle competenze altamente specialistiche

B) È un errore ritenere che sia raro trovare oggi, nelle varie branche della medicina, uomini capaci di essere veri medici

C) Non si può negare che la chirurgia pediatrica richieda una partecipazione particolare alla vita dei piccoli pazienti

D) Nella chirurgia pediatrica le cure sono per lo più meno importanti che la capacità di condividere i problemi dei malati

E) Nell’esperienza quotidiana un medico può sentirsi contemporaneamente fratello di chi soffre e scienziato attento a ciò di cui si soffre



8. Dai medici scrittori agli scrittori che raccontano di medici, la letteratura del novecento offre una serie di esempi affascinanti: Il Maestro e Margherita del medico Bulgakov, La storia di San Michele del rocambolesco medico Axel Munthe, Il dottor Zivago di Pasternak, nel quale il carattere ed il comportamento del  protagonista sono costantemente connessi alla sua formazione ed al suo status di medico, la Peste di Camus, di cui è protagonista un archetipo di medico umano e umanista, sono i testi consigliati in un esperimento di introduzione della letteratura nelle facoltà di Medicina, in analogia con quanto già si fa in molte facoltà del mondo anglosassone.
Delle motivazioni suggerite in merito alla proposta didattica riportata UNA NON È ACCETTABILE in quanto contiene un'affermazione senza fondamento nella formulazione citata e comunque falsa:

A) è bene che lo studente comprenda che l’immagine del medico ed il suo ruolo nella società
sono profondamente cambiati nel mondo moderno, e suscitano attese e interessi del tutto
nuovi; i medici-scrittori e i medici-protagonisti di opere di narrativa compaiono infatti solo nel
XX secolo


B) è certamente proficuo verificare come, anche in paesi diversi per lingua e tradizione, l’interesse per il malato, proprio del medico, si accompagni felicemente all’interesse per l’uomo, proprio dello scrittore, come dimostrano il russo Bulgakov e lo svedese (italiano di elezione) Axel Munthe

C) la lettura di romanzi, il cui protagonista è un medico, può dare un’idea del modo in cui questa
professione è vista dal pubblico e di ciò che ci si aspetta da chi la pratica


D) alcune università anglosassoni propongono la lettura di opere di narrativa scritte da medici come esempi di un’interpretazione della realtà connessa con lo status professionale

E) la proposta di lettura di opere i cui protagonisti sono caratterizzati, nel bene e nel male, dalla
loro condizione di medici, può essere motivo, oltre che di arricchimento culturale, anche di riflessione professionale




9. Dei cinque titoli proposti per lo scritto di Severino, individuate QUELLO CHE ESULA dai temi trattati:

A) in che cosa consiste oggi la superbia dell’uomo?

B) rinnovata vitalità della filosofia

C) la übris dell’uomo d’oggi

D) complessità e pericolosità del mondo

E) non distruggiamo i templi degli dei



10.
Infin disparve la malnata folla,
Ed io tutto smarrito m’accostai
A un pruno che sorgea sopra la zolla.
 
Ma poi che un ramoscello gli strappai,
Udimmo voce che gridava:”Vile!
Tu uccidi un uomo morto e non lo sai! ...
 
Allora lo guardai con viso umìle,
E cominciai:”O anima affannata,
Perdona la mia man, se a te fu ostile.
 
Ma dimmi: per qual colpa scellerata
Tu fosti tramutato in ramoscello,
E chi è punito in questa selva ingrata?
 
 Walt Disney, L’inferno di Topolino, in Paperodissea, Supermiti Mondadori, 1999
 
In questa scanzonata parodia dell’Inferno dantesco è facile riconoscere il personaggio del poema a cui Walt Disney allude. Indicatelo: 

A) Pier delle Vigne

B) Brunetto Latini

C) Farinata degli Uberti

D) Il Conte Ugolino

E) Celestino V



11. In una certa regione il numero assoluto di soggetti che e' stato guarito da una condizione morbosa, che definiremo come U, sempre mortale se non trattata, e' molto elevato, ma varia da uno all'altro dei centri specializzati. Data l'importanza anche sociale della malattia U, il numero di questi centri e' progressivamente aumentato negli ultimi vent'anni e attualmente e' ritenuto sufficiente a trattare, secondo schemi condivisi e regolarmente aggiornati e controllati, tutti i pazienti che nella regione si ammalano della malattia in questione.
La differenza del numero assoluto dei soggetti guariti nei diversi centri e' pero' significativa, e ha probabilmente radici complesse; il testo giustifica peraltro una sola delle seguenti ipotesi esplicative:

A) il diverso anno di inizio dell'attivita' del centro

B) l'effetto di schemi terapeutici diversi

C) un differente aggiornamento dei diversi centri

D) una mancata aderenza ai protocolli di terapia da parte di alcuni centri

E) la insufficiente specializzazione di alcuni centri



12. Il termine “totalitarismo” allude:

A) ad un sistema politico dispotico, teso a controllare ogni aspetto di una società di massa

B) al tentativo di uno Stato di espandersi fino a comprendere la totalità di una data area
geografica


C) all’intenzione di unificare, in una compagine salda e unitaria, un’etnia divisa e sparsa

D) alla volontà d’imporre a tutti i cittadini dello Stato l’uso di una medesima lingua

E) al progetto d’imporre ad un intero popolo una medesima fede religiosa 



13.
«Noi usiamo tre linguaggi [...]: in un discorso solo il 7% delle informazioni ci arrivano dalle parole. Capiamo il resto dal linguaggio paraverbale (38%), cioè tono, ritmo, volume della voce, e dal linguaggio non verbale (55%), vale a dire sguardo, gesti, ecc.: il linguaggio del corpo. [...] L’auto-contatto, cioè il toccare noi stessi, nella maggior parte dei casi risponde a un’esigenza di autorassicurazione: “Sono sempre io, sono qui e sono a posto”. Si tratta senz’altro di un segno di insicurezza o imbarazzo».
(Isabella Poggi, citata da Maria Elena Jorio, “Attento, col tuo corpo stai parlando”, Macchina del tempo, marzo 2005, pp. 95-96).
 
Quanto riportato NON AUTORIZZA UNA delle seguenti affermazioni. La si individui: 

A) talora è preferibile tacere ed affidare la comunicazione al linguaggio paraverbale e non verbale

B) in un discorso più della metà delle informazioni sono trasmesse dal linguaggio non verbale

C) più di un terzo delle informazioni che ricaviamo da un discorso ci provengono dal linguaggio
paraverbale


D) il gesto di toccarsi i capelli può essere interpretato come segno d’insicurezza

E) per lo più è un bisogno di autorassicurazione che si cela dietro l’auto-contatto



14. “E’ noto a tutti gli insegnanti che c’è una profonda differenza tra lo studio meccanico e mnemonico e quello ragionato in grado di condurre ad una “vera” comprensione. Quando si impara qualcosa a memoria la si può ripetere più o meno letteralmente, ma sarà poi difficile usarla come strumento cognitivo. Gli esperimenti condotti in laboratorio hanno avallato la tesi che in generale si apprende qualcosa più rapidamente se si cerca di capirla piuttosto che con uno studio mnemonico; inoltre la si ricorda per un periodo di tempo più lungo e la si può trasferire a problematiche nuove e diverse.”
da Herbert A. Simon, Le scienze dell’artificiale
All’analisi riportata sulle modalità di memorizzazione H. A. Simon fa seguire alcune
considerazioni qui elencate in forma sintetica. Individuate quella inserita tra di esse
indebitamente, che è IN CONTRADDIZIONE con le tesi sostenute dallo studioso:

A) il materiale memorizzato come dotato di significato viene memorizzato in modo tale che è facile accedervi ogni volta che se ne presenti l’opportunità

B) il materiale memorizzato come dotato di significato viene memorizzato in modo che, se una
frazione di esso viene dimenticata, la si può ricostruire da ciò che ne rimane


C) il materiale memorizzato come dotato di significato viene memorizzato in modo meno facile e immediato di quello appreso meccanicamente, ma si fissa nella mente stabilmente e si presta meglio ad essere rielaborato

D) il materiale memorizzato come dotato di significato viene memorizzato in forma di procedure anziché sotto forma di dati “passivi”

E) il materiale memorizzato come dotato di significato viene memorizzato in forma di dati
accessibili a processi di risoluzione di problemi e ad altre procedure




15.

"Che cos'è un mito?" E' "un lungo discorso": questa la distratta - forse solo apparentemente distratta - definizione di Alexandre Dumas, che di miti se ne intendeva, tanto da averne creato più di uno. Credo che allo stesso modo risponderebbero i tre coautori del dizionario Miti e personaggi della modernità.
Apparente semplicità, segreta complessità: questa formula vale per i "miti" moderni come per i miti classici. Nella Grecia antica il "lungo discorso" - senza il quale non esisterebbe il mito - aveva introdotto una serie vertiginosa di varianti che a volte si limitavano a correggere una sfumatura e altre volte rovesciavano completamente il significato di un personaggio: Ulisse e il valoroso Achille adottano ogni sorta di sotterfugi per sottrarsi alla guerra di Troia, l'infedele Elena infedele non è, perché a fuggire con Paride è stato un suo simulacro, la fedele Penelope va a letto con tutti i Proci ... Varianti analoghe, fondate sulla riabilitazione o sullo smascheramento, non sono estranee al nostro tempo: così, per esempio, lo studioso spagnolo Gregorio Maranon individuò, nella figura di Don Giovanni, i tratti dell'omosessualità e dell'impotenza; Federico Fellini rappresentò il vitale Casanova come una funebre marionetta; il regista Konicev nel 1964 vinse il premio Stalin con un film in cui l'indeciso Amleto appariva nelle vesti di un tortuoso e implacabile discepolo di Machiavelli...
Anche se le integrazioni possibili sono tante, Miti e personaggi offre un ricco repertorio e bellissime tracce per ricerche, saggi, tesi di laurea. L'ultima voce è Zarathustra, l'antico maestro persiano diventato un "mito della modernità" nel 1883, per opera di Nietzsche.
da MITI. Il catalogo della modernità, di Giovanni Mariotti.

Completa la proporzione tenendo conto del carattere tradizionalmente attribuito ai personaggi mitici citati nell’articolo di Mariotti:

seduzione : don Giovanni =


A) Elena : infedeltà

B) Persia : Zarathustra

C) Casanova : Visconti

D) fedeltà : Penelope

E) Zarathustra : saggezza



16.
(La pediatra Helen Taussig) essendo stata la prima persona a descrivere il quadro clinico delle varie forme di malattia congenita del cuore, più di chiunque altro al mondo conosceva i particolari complessi della cura di questi pazienti. [...] Io credo che la chirurgia pediatrica, nella sua struttura complessiva, si intrecci nella trama della vita dei suoi pazienti più di tutte le altre sottospecializzazioni che stanno fiorendo e in cui ora è suddivisa l’Arte: essa è un esempio per tutti coloro che vogliono essere dei veri medici, che abbiano fatto tirocinio per diventare nefrologi, chirurghi microvascolari o radiologi da sala operatoria, o che appartengano alle altre branche non ufficiali della medicina moderna. Le sue fila sono ricche di uomini e donne, i cui rapporti con i pazienti e le loro famiglie sono la prova che è possibile essere di fatto un medico di un essere umano malato, e non essere un dottore per un singolo organo o una singola malattia.
Ma non incorriamo in errore. [...] Qui si tratta di specialisti altamente qualificati che capiscono, grazie all’esperienza quotidiana, che non esiste alcun conflitto tra i metodi tecnocratici della medicina moderna e il fatto di prendersi cura dei nostri fratelli e delle nostre sorelle malate.
Sherwin B. Nuland, Storia della medicina, Oscar Mondadori 2004
 
Tra i giudizi qui espressi, UNO NON È IN ACCORDO con il pensiero di Nuland:
 


A) i metodi tecnocratici della medicina moderna rendono inevitabilmente rari e difficili i rapporti umani


B) un pediatra, più che ogni altro tipo di medico, entra in un rapporto umano completo con i suoi pazienti

C) un vero medico non si può esimere dall’interesse per i propri pazienti in quanto persone malate, prima che in quanto casi clinici

D) la medicina è essenzialmente un’Arte che richiede disponibilità umana e competenza specialistica

E) la tecnologia può e deve essere al servizio di un atteggiamento partecipe e fraterno nei confronti di chi soffre




17. Il De Bello Gallico è una specie di “diario di guerra”, scritto in terza persona da un importante protagonista della storia romana. Chi è l’autore?

A) Giulio Cesare

B) Cesare Augusto

C) Marco Aurelio

D) Tacito

E) Sallustio



18. “Alla fine di questo secolo può essere interessante riflettere sul futuro della scienza e discutere la concezione della natura quale è emersa negli ultimi decenni. La questione è in realtà un po’ più controversa di quanto si sia soliti immaginare: a parere di alcuni siamo vicini alla “fine della scienza”, prossimi alla teoria del “tutto”; il mio invece è un punto di vista opposto. Credo, infatti, che ci troviamo all’inizio di una nuova epoca. La scienza classica poneva l’accento sulla stabilità, sull’equilibrio; ora, a tutti i livelli di osservazione, ci imbattiamo in fluttuazioni, biforcazioni, processi evolutivi.
L’ideale classico consisteva in una visione geometrica della natura; ora vediamo che in essa giocano un ruolo essenziale elementi che possiamo definire“narrativi”. (...)
Tradizionalmente, la probabilità era considerata come una conseguenza della nostra ignoranza, veniva associata alle limitazioni della nostra mente. Ora possiamo sostenere che la probabilità è una conseguenza della nostra maniera di descrivere la natura. In prossimità delle biforcazioni, alcune molecole possono decidere il destino di miliardi di altre molecole. É per esprimere questo concetto che il termine “auto-organizzazione” è diventato piuttosto comune.
Si tratta di una nuova prospettiva che non investe soltanto la scienza pura (...)
“In natura, il mantenimento dell’organizzazione non è, e non può essere, conseguito attraverso una gestione centralizzata: l’ordine è mantenuto solo attraverso l’auto-organizzazione. I sistemi auto-organizzati prevedono l’adattamento all’ambiente dominante, cioè reagiscono alle modifiche dell’ambiente con una risposta termodinamica che rende i sistemi estremamente flessibili e resistenti alle perturbazioni indotte dall’esterno. Dovrà essere sviluppata una tecnologia completamente nuova per sfruttare, nell’ambito dei processi tecnici, l’alta capacità di guida e regolazione dei sistemi auto-organizzati. La superiorità dei sistemi auto-organizzati è illustrata dai sistemi biologici, capaci di creare prodotti complessi con un’accuratezza, un’efficienza e una velocità ineguagliabili”
da Ilya Prigogine, Nell’universo delle probabilità un solo punto fermo: l’incertezza, in“Telèma”
UNA delle seguenti affermazioni NON consegue alle informazioni riportate nell’articolo di Ilya Prigogine:

A) la scienza classica con la sua pretesa di dimostrare con precisione geometrica la meccanica dei fenomeni non ha più nulla da dirci

B) il ricorso alla categoria di probabilità non è dovuto ad una insufficienza provvisoria dei nostri mezzi di informazione

C) l’osservazione della natura rivela oggi allo scienziato processi evolutivi che non possono essere tradotti in leggi universali e necessarie

D) l’adattamento all’ambiente dominante nei sistemi auto-organizzati è particolarmente pronta e efficace

E) flessibilità e resistenza, accuratezza e velocità produttive sono caratteristiche che coesistono nei sistemi auto-organizzati



19. Il signor Candido constata che
a) Giovanna ha fatto una rapidissima carriera come economista il signor Candido ne deduce che
b) Giovanna non è una persona onesta
La ragione necessaria e sufficiente del passaggio logico che opera il signor Candido dalla constatazione del fatto a) al giudizio b) è la sottintesa convinzione che (UNA SOLA IPOTESI E’ CORRETTA):

A) solo alcune persone eccezionali facciano onestamente carriera come economisti

B) nessuna persona onesta faccia carriera in campo economico

C) le persone disoneste facciano rapida carriera solo in campo economico

D) nessuna economista onesta faccia rapida carriera nel suo campo

E) tutte le donne-economiste siano disoneste



20. LE SPESE SULLA SALUTE SONO UN INVESTIMENTO SOCIALE ED ECONOMICO.
All’inizio di questo mese, il Segretario inglese per la Sanità, Alan Milburn, si é recato alla London School of Economics, la Scuola nella quale si sono formati coloro che hanno costruito la stato sociale della Nazione Britannica, per discutere su un tema che sarebbe familiare in un paese in via di sviluppo, ma sul quale é raro sentir parlare in una Nazione industrializzata: le spese sulla salute sono un investimento economico e sociale.
Nessuno ricorda che un Ministro della Sanità britannico si sia mai occupato di un tale argomento prima d’ora.
Milburn ha sostenuto che è tempo di mettere in discussione il punto di vista convenzionale, secondo il quale le spese per la salute sono un debito e non un credito per la collettività. Tale spesa dovrebbe invece essere ritenuta un investimento che costruisce l'infrastruttura economica del Paese.
… Per circa un terzo, la crescita economica in Gran Bretagna tra il 1780 e il 1979 é considerata il risultato di un miglioramento degli standard sanitari ed alimentari. Del tutto recentemente, alcuni ricercatori hanno notato il fatto straordinario che il guadagno reale annuo per persona tende a crescere di più in un Paese dove l'attesa di vita è più lunga di cinque anni, rispetto ad un Paese nel quale la situazione è simile per tutti gli altri aspetti considerati, ma l'attesa di vita è inferiore.
Milburn ha inoltre notato che i problemi di salute sono un’importante causa di disoccupazione e che l'attenzione economica che essi meritano ha un costo importante.
La malattia é in media, ogni anno, causa di 119 milioni di giorni di mutua, determina 12 milioni di visite presso i medici curanti e 800.000 giorni di ricovero in ospedale, conduce alla disoccupazione e alla povertà, che a sua volta ingenera nuove malattie.
Identificare LA SOLA affermazione che NON è GIUSTIFICATA da quanto riportato nel testo:

A) il costo della malattia è molto elevata in termini di perdita di produzione e reddito

B) non è corretto considerare la spesa sanitaria come una voce passiva di bilancio della pubblica amministrazione

C) un miglioramento degli standard di nutrizione di salute è alla base di certi aumenti della crescita economica

D) là dove esiste una più lunga aspettativa di vita l’incremento del reddito annuo pro capite è maggiore

E) la crescita economica di una nazione è prevalentemente dovuta allo stato di salute dei suoi cittadini



21.

“Una volta era semplice. Prima che i romantici esaltassero la “singolarità” del creatore, l’arte era spesso un mestiere di famiglia e i figli di Johann Sebastian Bach non avevano paura del confronto col padre mettendosi a fare i musicisti, Bernardo Bellotto andava a bottega da suo zio Canaletto e si firmava come lui (non per dolo, ma per una questione di “ditta”), i fratelli Carracci affrescavano assieme ettari quadrati di palazzi romani. Finì tutto nell’Ottocento. Non finirono le famiglie di artisti, finì la fabbrica d’arte familiare: padri, figli, fratelli cominciarono a tenere ciascuno al proprio nome, alla propria personalità. Se in famiglia qualcuno raggiungeva un’eccellenza indiscussa, gli altri ne erano intimiditi, misurarsi col gigante faceva paura. I fratelli ormai cambiano nome in partenza.
Il nome in (quasi) partenza l’hanno cambiato anche i due fratelli più famosi del Novecento italiano, Giorgio de Chirico e Alberto Savinio, l’uno pittore, l’altro talento più poliedrico. E il minore, Alberto, lo cambiò perché, quando cominciò a lavorare a Parigi, il fratello era giàconosciuto. Da dove, poi, lo pseudonimo saltasse fuori, non si sa con certezza. ( ... )
Oggi Ruggero Savinio (che è figlio di Alberto Savinio e ha voluto, invece, conservare il nome paterno) è un pittore affermatissimo: s’è appena chiusa la mostra dei suoi ultimi lavori, a Montecitorio. (... )
C’era un “understatement” in Savinio senior, un metter la professione in prospettiva, che il figlio ricorda con gratitudine: “Un pomeriggio nello studio di mio padre, avrò avuti sedici anni, lui parla di me con un amico in visita. Gli dice: “Vorrei che Ruggero diventasse un grande uomo. O almeno un grande pittore.” Mi ricordo la frase per quell’”almeno”, una specie di viatico....”

da  M.G.Minetti: Destino d’artista. Specchio, 21/4/2001. p.82

 

Il discorso di Minetti suscita alcune riflessioni e suggerisce alcune considerazioni: tra quelle qui riportate,  UNA CONTRADDICE quanto si afferma nell'articolo 


A) Un nome famoso costituisce un peso certamente, ma non si può escludere che offra anche
alcuni vantaggi, non ultimo quello di smitizzare il valore della fama


B) Con un padre famoso, poco o molto che sia, ai nostri giorni un figlio deve essere dotato di
determinazione e coraggio per seguire la medesima strada


C) Il nome di famiglia, se noto, è stato per secoli un titolo di credito da esibire; dal Romanticismo
in poi è diventato un'eredità da rifiutare


D) L’esaltazione della personalità ha fatto dell’eccellenza nell’arte un fenomeno che per lo più
intimidisce, scoraggiando non solo le imitazioni, ma spesso anche una sana emulazione


E) Da circa duecento anni figli, fratelli e nipoti si tengono rigorosamente alla larga dalla
professione di genitori e parenti, mentre era frequente nel passato che figli, fratelli e nipoti
coltivassero l’arte per cui i loro familiari erano famosi




22.
Il riformatore francese Giovanni Calvino (1509-1564), lungamente attivo nella città di Ginevra, attribuiva particolare rilievo all’impegno profuso dai credenti nella dimensione professionale e sociale. Fare bene il proprio lavoro, ottenere riscontri incoraggianti, conseguire il successo economico, contribuire al benessere sociale, tutto ciò poteva essere interpretato, secondo Calvino... :


A) come segno della nostra appartenenza alla schiera di coloro che Dio ha predestinato alla
salvezza


B) come indizio del nostro progressivo allontanamento da Dio e del nostro convergere verso le
cose mondane


C) come causa della nostra inclusione nella schiera di coloro che Dio destina alla salvezza

D) come prova della nostra abdicazione all’egoismo e all’interesse personale a scapito dell’impegno altruistico

E) come manifestazione della congenita superbia dell’essere umano che lo porta a prevaricare il
prossimo




23. Valeria Messalina, sposa sedicenne dell'anziano Germanico, che diviene imperatore come Claudio I, si innamora di Mnestere, attore dalla vita libertina, poi di Gaio Silvio, con il quale congiura per deporre l'Imperatore che si trova ad Ostia. Il complotto viene sventato ed i due vengono uccisi.
Chi ha narrato tutto ciò?

A) Tucidide: Historia

B) Tacito: Annales

C) Plinio: Historia Naturalis

D) Persio: Satire

E) Cicerone: Orationes Philippicae



24.

«molti [ ... ] sosterrebbero che il modo migliore per aiutare i poveri è favorire la crescita dell’economia. Essi credono nell’economia del trickle down o “permeabile”, quella cioè che, goccia a goccia, dovrebbe prima o poi far arrivare i vantaggi della crescita anche ai poveri. La teoria economica del trickle down non è mai stata molto più di una credenza, un articolo di fede. Nell’Inghilterra del XIX secolo, l’indigenza sembrava in aumento anche se, nel Complesso, il paese prosperava. La crescita degli anni Ottanta in America ci fornisce l’esempio drammatico più recente: in pieno progresso economico, i più poveri hanno visto ridursi ulteriormente i loro redditi reali. [ ... ] E quando lasciai la Casa Bianca per andare alla Banca mondiale, portai con me lo stesso scetticismo nei confronti di questo tipo di politica: se non aveva funzionato negli Stati Uniti, perché mai avrebbe dovuto funzionare nei paesi in via di sviluppo? Se da una parte è vero che non è possibile ridurre in modo significativo la povertà senza una crescita economica sostenuta, non è vero l’opposto: non è detto che la crescita vada a vantaggio di tutti. Non è vero che “l’alta marea solleva tutte le barche”.»
Joseph E. Stiglitz, La globalizzazione e i suoi oppositori

Quale delle seguenti affermazioni È COERENTE con il pensiero di Stiglitz? 


A) La diminuzione della povertà non è un problema che riguardi l’economia

B) Crescita economica e diminuzione della povertà sono inversamente proporzionali

C) Crescita economica e diminuzione della povertà non sono correlate

D) La crescita economica è condizione necessaria a contrastare efficacemente la povertà

E) La crescita economica è condizione sufficiente a contrastare efficacemente la povertà



25. “Gente di Dublino” è un’opera letteraria di:

A) J. Joyce

B) I. Svevo

C) F. Kafka

D) U. Saba

E) G. Verga



26. Quale dei seguenti personaggi, famosi per le loro imprese delittuose, è invenzione esclusivamente letteraria?

A) Arsenio Lupin

B) Jack lo Squartatore

C) Landru

D) Salvatore Giuliano

E) Conte Dracula



27. "Come i fanciulli stanno ......... e ......... di tutto nelle tenebre ........, cosi' noi alla luce temiamo eventi che non sono piu' ...... delle larve......... dei bambini nell'oscurita'. E questo terrore dell'anima nostra non dissiperanno ne' i raggi del sole, ne' i ......... dardi del giorno, ma la conoscenza della natura e la luce dell'intelletto " (Lucrezio,"De rerum natura").
Indicare quale delle seguenti affermazioni NON e' deducibile dal testo di Lucrezio:

A) la conoscenza della natura ha il potere di rendere l'uomo piu' sereno

B) l'intelletto libera l'uomo da molti timori

C) le paure degli uomini sono spesso infondate

D) i raggi del sole e la luce del giorno non mettono fine a tutte le nostre paure

E) la ragione non e' sempre in grado di farci conoscere la natura



28.

E' nozione comune, ripetutamente riportata dai mass media, che il numero di neoplasie diagnosticate negli ultimi anni e' in costante aumento, almeno nei paesi occidentali.

UNA delle seguenti affermazioni NON costituisce una plausibile spiegazione di questo fenomeno:


A) l'affinamento delle tecniche diagnostiche

B) la progressiva riduzione della natalita'

C) il progressivo aumento della durata della vita media

D) l'esposizione ad agenti inquinanti, il consumo voluttuario di alcool e fumo

E)  la ridotta mortalita' per malattie cardivascolari



29. “Successe a quelli della mia generazione (nati intorno agli Anni Cinquanta) che un giorno ci fu rimproverato di aver amato Topolino. E di averlo amato proprio perché detective, giornalista, investigativo, poliziotto. Successe quel giorno che ci fu detto che Topolino era un uomo d’ordine e che caso mai era meglio amare Paperino, perché Paperino era uno sfruttato (dal capitalista zio Paperone), un single nullatenente con tre nipoti a carico.
Ci sono più cose tra la terra e il cielo di Topolinia e di Paperopoli di quanto noi umani possiamo immaginare. Il colpo fu duro, personalmente Topolino mi restò simpatico ma la cosa non era influente perché l’eroe di Disney si avviò verso la china della decadenza, della crisi. Solo negli ultimissimi tempi Topolino ha ripreso quota e ha visto riaumentare i consensi. Questo libro (“Topolino noir”, Einaudi Stile Libero), che raccoglie storie scritte da Tito Faraci, celebra degnamente il vecchio eroe.
(...) Certo la popolarità di Topolino sembra ormai destinata a restare inferiore a quella di Paperino. Ma forse questo è fatale. La prevalenza di Paperino significa che il comico prevale sul giallo, la commedia sull’avventura, la risata sul brivido. E' anche vero che il poliziesco secondo Topolino, legato molto allo schema classico del thriller, non ha più la forza di battersi contro l’horror, lo splatter, il serial- killerismo. Il giallo secondo Topolino era un modo per dimostrare che nel mondo era possibile
introdurre un criterio d’ordine (non nel senso di ordine politico). Topolino era pensiero forte. Ma sappiamo, con Paperino, che alla fine ha vinto il pensiero debole. Non resta altro da fare che leggersi queste storie. O gran bontà dei detective antichi!”
da “ Pensieri forti: Topolino”, di Antonio D’Orrico
La recensione citata, nonostante il genere “umile” dell’argomento, contiene riferimenti alla cultura “alta”, letteraria e filosofica, accennati in tono scherzoso e brillante, e qui sottolineati nel testo riportato. Gli autori a cui D’Orrico allude sono quattro; nella serie dei cinque qui elencati individuate quello inserito indebitamente:

A) Sherlock Holmes

B) Ludovico Ariosto

C) Carlo Marx

D) Gianni Vattimo

E) William Shakespeare



30. Quanti dei seguenti ragionamenti risultano logicamente attendibili?
PRIMO RAGIONAMENTO
Ogni volta che conquista una vetta, Messner si concede una bella bevuta.
Adesso ha appena conquistato una vetta.
Dunque si concederà una bella bevuta.
SECONDO RAGIONAMENTO
Ogni volta che vince il Tour de France, Armstrong si concede una bevuta.
Adesso si concede una bevuta.
Dunque ha appena vinto il Tour de France.
TERZO RAGIONAMENTO
Rossi ha appena vinto una gara.
Ogni volta che vince una gara, Rossi fa impennare la moto.
Dunque adesso Rossi farà impennare la moto.
QUARTO RAGIONAMENTO
Bearzot sta fumando la pipa.
Dopo aver vinto una partita, Bearzot fuma sempre la pipa.
Dunque Bearzot ha appena vinto una partita.

A) nessuna

B) tre

C) una

D) tutte

E) due



31. Quale delle seguenti coppie di termini è anomala?

A) Autonomo - eteronomo

B) Spiritualistico - materialistico

C) Teleologico - finalistico

D) Storicistico - metastorico

E) Aprioristico - empirico



32.
L’inserto domenicale di un quotidiano nazionale ha proposto ai suoi lettori il gioco “Classico Sms”, che consiste nell’alludere con un Sms a un classico della letteratura. Tra quelli pervenuti e pubblicati qui ne sono stati riportati cinque.
1 - Liberarsi da complessi freudiani provoca gravi danni oculistici
2 - Amò in un baleno, finì sotto un treno  
3 - Prima edizione del grande fratello
4 - Finse di esser morto e scoperse di non esser vivo
5 - Erano tre, ma si fecero in quattro per il loro re

Scegliete, tra le serie di titoli proposte, quella che corrisponde nell’ordine ai cinque Sms:


A) 1 - Edipo re   2 - Anna Karenina   3 - “1984”   4 - Il fu Mattia Pascal   5 – I tre moschettieri

B) 1 - Edipo re   2 - Il fu Mattia Pascal   3 - Anna Karenina   4 - “1984”   5 – I tre moschettieri

C) 1 - Il fu Mattia Pascal   2 - Anna Karenina   3 - Edipo re   4 - “1984”   5 – I tre moschettieri

D) 1 - I tre moschettieri   2 - Il fu Mattia Pascal   3 - Anna Karenina   4 - “1984”   5 – Edipo re

E) 1 - Anna Karenina   2 - Il fu Mattia Pascal   3 - “1984”   4 - Edipo re   5 – I tre moschettieri



33. “Chiunque scriva di storia è necessariamente obbligato a scegliere solo una piccola quantità delle testimonianze disponibili, e se questo viene fatto con onestà, si tratta di una prassi tanto ineccepibile quanto inevitabile. La necessità di semplificare ci ricorda tuttavia che la falsificazione si ottiene più facilmente attraverso le omissioni anziché per esplicite affermazioni. L’interpretazione del passato implicherà sempre una semplificazione, talvolta anche un eccesso di semplificazione (e di conseguenza la distorsione), ma esiste comunque una garanzia nel fatto che in seguito altri storici potrebbero criticare qualunque interpretazione non tenga conto di testimonianze pertinenti in grado di offrire una differente versione dei fatti”.
Denis Mack Smith, La storia manipolata
UNA SOLA delle seguenti considerazioni È in sintonia con quanto osserva Smith nel testo
riportato:

A) pronunciare giudizi semplificatori può essere meno disonesto che passar sotto silenzio e
omettere testimonianze


B) operare delle semplificazioni nella ricostruzione degli eventi è per uno storico un arbitrio
inammissibile e un atteggiamento disonesto


C) lo storico ha il dovere di essere obiettivo nei giudizi e di non tralasciare nessun documento
sull’argomento di cui si occupa


D) la distorsione degli eventi viene comunque sempre corretta da storici successivi, in possesso di altre testimonianze

E) la prassi di attenersi ad una parte soltanto della documentazione disponibile è sempre disonesta e va contrastata in ogni modo



34.
Nessun ingenuo è cattivo – qualche cattivo è adulto – dunque ........................................ non  è ingenuo.  
 S’individui il CORRETTO COMPLETAMENTO del sillogismo:

A) qualche adulto

B) ogni adulto

C) qualche ingenuo

D) qualche cattivo

E) ogni cattivo



35. Individua il termine etimologicamente incongruente

A) telegenico

B) telefonico

C) telecomandato

D) teleologico

E) telepatico



36. Mantenendo il governo in posizione di neutralità di fronte ai conflitti tra lavoratori e datori di lavoro, rafforzò il movimento sindacale; promosse la statalizzazione delle ferrovie, la nazionalizzazione delle assicurazioni sulla vita, l’introduzione del suffragio universale maschile; disinnescò la crisi determinata dall’occupazione delle fabbriche.
Si tratta di UNO dei seguenti personaggi storici:

A) Agostino Depretis

B) Francesco Crispi

C) Giovanni Giolitti

D) Antonio Di Rudinì

E) Antonio Salandra



37. Ei fu. Siccome immobile,
dato il mortal sospiro,
stette la spoglia immemore
orba di tanto spiro,
così percossa, attonita
la terra al nunzio sta,
(Da Il cinque maggio di Alessandro Manzoni)
I versi celebrano la scomparsa di uno dei seguenti personaggi storici:

A) Luigi XVIII

B) Mazzini

C) Carlo Alberto

D) Napoleone

E) Garibaldi



38.

Il più pittoresco paese della valle della Torretta è Sant'Ignazio, un comune i cui abitanti, senza contare i turisti che lo affollano nella stagione estiva, sono seicentodieci, 64 dei quali in età scolare, tra i 6 ed i 14 anni. Nel paese sono stranamente numerose le persone con i capelli rossi, e la maggior parte di questi ragazzi ha appunto capigliatura fiammeggiante, naso piccolo, carnagione chiara ed efelidi sparse, così che chi li osserva in gruppo, nel campo sportivo o nella chiesa dalle vetrate policrome, ha talora l'impressione di trovarsi davanti ad un quadro fiammingo.
Il parroco del paese, don Sebastiano, è appassionato di musica, suona il modesto armonium della chiesa con competenza ed ha istituito un coro in cui canta più della metà dei ragazzi che frequentano la scuola. Sotto la sua guida i giovani hanno imparato ad eseguire correttamente, accanto agli inni liturgici più semplici e noti, composizioni polifoniche abbastanza complesse che attirano alla messa domenicale in Sant'Ignazio i melomani della colonia bavarese, tradizionalmente ospite estiva della vallata.

Tra le note esplicative del testo, UNA È SCORRETTA:


A) efelidi: macchie della pelle, dovute all'esposizione al sole

B) liturgici: che appartengono ad un rituale religioso

C) fiammingo: di interno illuminato da luce proveniente da una fiamma

D) melomani: amanti della musica, in particolare del canto

E) polifoniche: a più voci variamente armonizzate



39.

L'archeologia dice ancora poco, ma la genetica ci informa di piu'. Lo studio del DNA
mitocondriale  ci ha detto che la data di separazione di Africani e non Africani deve essere posteriore a 200.000 anni fa. I mitocondri costituiscono una piccolissima parte del nostro corredo genetico (un 200 millesimo), ed abbiamo imparato che e' necessario rivolgersi a materiale piu' vasto. Sono stati studiati molti altri geni, e si e' creato un vastissimo corpo di conoscenze (migliaia di pubblicazioni), di cui e' stata fatta una paziente elaborazione statistica.

Una delle affermazioni seguenti  NON e' suffragata dal testo. Quale?


A) La data si separazione di Africani e non Africani non risale a piu' di 200.000 anni

B)  I mitocondri non costituiscono la totalita' del nostro corredo genetico


C) I geni mitocondriali sono meno informativi del complesso di tutti i geni


D) Lo studio archeologico indica una data di separazione di Africani e non Africani di 200.000 anni fa

E) La genetica puo' dare piu' informazioni dell'archeologia



40. Secondo una recente indagine americana su circa 11000 visite mediche effettuate tra il 1980 e il 1996, l’utilizzo dell’aspirina da parte di persone con malattia coronarica é aumentato dal 5% nel 1980 al 26.2% nel 1996.
L’autore dell’articolo sostiene che tra questi pazienti l’utilizzo dell’aspirina sia ancora sub-ottimale e che si dovrebbe fare di più per “tradurre nella pratica le raccomandazioni cliniche ”.
UNA sola delle seguenti considerazioni NON PUO' ESSERE DERIVATA dalle affermazioni contenute nel testo

A) L’impiego dell’aspirina può essere raccomandato in caso di cardiopatia coronarica

B) una parte dei medici non crede agli effetti positivi di questo farmaco e si dichiara del tutto contrario al suo impiego

C) in sedici anni l’uso dell’aspirina in questi pazienti si è quintuplicato

D) esiste un ampio margine per un’ulteriore diffusione del suo impiego

E) le raccomandazioni degli esperti sono in favore di un utilizzazione dell’aspirina in soggetti con cardiopatia coronarica






Test di Biologia


41. Sia il seguente filamento di DNA: TGG ACT AGC Gli anticodoni del tRNA corrispondenti sono:

A) ACC UGA UCG

B) TCC TGU TCG

C) TGG TGU UCG

D) UGG ACU AGC

E) AGG TGA ACG



42. La pressione del sangue ha un valore medio compreso tra 80/120. La minima corrisponde alla:

A) sistole atriale

B) diastole atriale

C) sistole ventricolare

D) diastole ventricolare

E) chiusura delle valvole a nido di rondine



43. La corea di Huntington è dovuta ad un allele dominante. Ogni bambino nato da una coppia in cui un genitore è sano e l’altro è affetto da tale patologia, ha probabilità di essere eterozigote pari a:

A) 50%

B) 100%

C) 25%

D) 75%

E) 0%



44.
Nella specie umana, l’ultrafiltrato ottenuto a livello della capsula del Bowman del nefrone è costituito in condizioni normali da:

A) acqua, glucosio, urea, sali

B) acqua, urea, urina

C) proteine, globuli rossi, acqua

D)  acido urico e acqua

E) acqua e ammoniaca



45. I legamenti servono a:

A) legare i muscoli scheletrici tra di loro

B) connettere i muscoli scheletrici alle ossa

C) connettere le ossa tra loro, mantenendole in posizione appropriata

D) garantire l'azione contrattile del muscolo sulla superficie articolare dell'osso

E) assicurare la giusta tensione della muscolatura liscia



46. Il dotto pancreatico sbocca:

A) nel duodeno

B) nello stomaco

C) nel colon

D) nell’arteria pancreatica

E) nel coledoco



47. Il sistema escretore regola:

A) l’assorbimento delle sostanze alimentari

B) la concentrazione di acqua nei tessuti corporei

C) la demolizione delle molecole complesse

D) l’eliminazione delle molecole non digerite

E) la liberazione dei gas prodotti nella digestione



48.
L’aterosclerosi colpisce principalmente le arterie ed è caratterizzata dalla formazione nella loro parete interna di placche dure e ruvide, dette ateromatose. Esse sono costituite principalmente da:

A) lipidi, colesterolo in particolare

B) proteine e acidi nucleici

C) polisaccaridi

D) zuccheri

E) tessuto cartilagineo



49. I gemelli biovulari hanno sesso:

A) Sempre uguale

B) Mai diverso

C) Sempre maschile

D) Talvolta uguale, talvolta diverso

E) Dipende da quale ovulo viene fecondato



50. Sia nel DNA che nell’RNA sono sempre presenti:

A) glicerolo, adenina, guanina

B) glicerolo, adenina, uracile

C) acido fosforico, timina, desossiribosio

D) acido fosforico, ribosio, adenina

E) acido fosforico, guanina, adenina



51. Il colore nero (N) della pelliccia delle pecore è dominante sul bianco (n). Come è possibile determinare il genotipo di una pecora nera?

A) Non è possibile determinare il genotipo

B) Sicuramente è eterozigote perché il nero è dominante

C) Sicuramente è omozigote perché è nera

D) La incrocio con una pecora bianca

E) La incrocio con una pecora nera



52. Quale meccanismo permette il giusto allineamento degli amminoacidi in una catena polipeptidica, secondo l’informazione genica?

A) Il legame tra codone e anticodone

B) Il legame tra DNA e t-RNA

C) Il legame tra codone e amminoacidi

D) Il legame tra anticodone e DNA

E) Il legame peptidico tra i gruppi carbossilici degli amminoacidi



53.
Quando la luce colpisce la retina avviene una trasformazione chimica in una sostanza contenuta nelle sue cellule e ciò origina lo stimolo nervoso. Questa sostanza è:

A) la rodopsina

B) la melanina

C) la fibrina

D) la cromatina

E) la macula lutea



54.
Secondo alcuni recenti studi, sembra che l’America precolombiana avesse una popolazione assai più numerosa di quella europea del tempo; alcune città – come la capitale azteca Tenochtitlan – fossero metropoli moderne con sistemi di acqua potabile e ampie vie di comunicazione; l’agricoltura si avvalesse di tecnologie d’avanguardia con forme di gestione dei suoli sconosciute in Europa. Nel 1520 tuttavia, Cortès, dopo iniziali e ripetute sconfitte, riuscì a distruggere l’impero di Montezuma. La conquista fu in definitiva relativamente facile, grazie all’inconsapevole aiuto del virus Variola major portato dai soldati spagnoli, che debellò la popolazione indigena.
Si può dedurre che:

A) i soldati spagnoli erano parzialmente immunizzati contro la diffusione del virus

B) la popolazione delle città viveva in condizioni di scarsa igiene

C) i soldati spagnoli erano stati vaccinati contro il virus del vaiolo

D) i soldati spagnoli erano numericamente più numerosi della popolazione indigena

E) il virus del vaiolo europeo era resistente alle vaccinazioni usate dagli indigeni precolombiani



55. Un virus a RNA può moltiplicarsi nella cellula ospite grazie ad una serie di enzimi, tra cui:

A) enzimi di restrizione

B) transcrittasi inversa

C) DNA ligasi

D) DNA ricombinante

E) DNA replicasi



56. Il diagramma A della figura (Fig. L) esprime la produzione dell'enzima b galattosidasi da parte di Escherichia coli, in un terreno che viene arricchito di lattosio; il diagramma B, quando dal terreno si toglie il lattosio. Tale variazione è conseguenza di:

A) espressione genica

B) regolazione genica

C) adattamento indotto

D) inibizione ormonale

E) ricombinazione genica



57. Gli uccelli sono caratterizzati dal NON avere:

A) circolazione doppia e completa

B) eterotermia

C) sterno

D) diaframma

E) polmoni



58. Sto percorrendo in macchina una strada con diritto di precedenza. Improvvisamente una macchina spunta da una via laterale senza fermarsi allo STOP. Freno istintivamente per evitare lo scontro, mentre il cuore accelera i suoi battiti e una vampata di calore mi avvolge. Si può dedurre che:

A) si è attivata la corteccia profonda del cervello

B) si è attivato un arco riflesso semplice

C) si è attivata l’ipofisi

D) si è attivato il sistema nervoso simpatico

E) si è attivato il sistema nervoso parasimpatico





Test di Chimica


59.
Vengono chiamate colligative le proprietà il cui valore dipende solo dal numero, e non dalla natura, delle particelle che le determinano. E’ sperimentalmente accertato che, in recipienti di uguale volume e alla stessa temperatura, una mole di idrogeno e una mole di ossigeno esercitano la stessa pressione. Si può pertanto affermare che la pressione gassosa:


A) è una proprietà colligativa

B) è indipendente dal volume del recipiente

C) è indipendente dalla temperatura

D) non è una proprietà colligativa

E) è una proprietà colligativa solo nel caso i recipienti contengano una mole di ciascuno dei due gas



60. La costante di equilibrio di una reazione chimica, all’aumentare della temperatura:

A) può aumentare o diminuire, a seconda della reazione

B) aumenta sempre

C) diminuisce sempre

D) resta costante

E) aumenta a basse pressioni e diminuisce ad alte pressioni



61. Due liquidi immiscibili formano un sistema bifase; se uno di questi liquidi conteneva originariamente una sostanza disciolta, parte del soluto passa dall'una all'altra fase, sino a raggiungere uno stato di equilibrio caratterizzato, ad ogni temperatura, dalle concentrazioni del soluto nelle due fasi liquide. Si osserva che, per due liquidi determinati, e se la temperatura non cambia, il rapporto tra le concentrazioni del soluto nelle due fasi è costante, cioè indipendente dalla quantità totale del soluto nelle due fasi; questo rapporto viene chiamato coefficiente di ripartizione del soluto tra i due solventi.
Quale delle seguenti affermazioni NON può essere dedotta dalla lettura del brano precedente?

A) Una stessa sostanza può sciogliersi in due liquidi immiscibili tra loro

B) Se varia la temperatura, il soluto tende a sciogliersi solo in uno dei due solventi

C) Il valore del coefficiente di ripartizione dipende dalla natura dei due liquidi

D) Il valore del coefficiente di ripartizione dipende dalla temperatura

E) Ciascuno dei due liquidi immiscibili costituisce una fase



62. Nella molecola di un amminoacido sono contenute almeno le seguenti specie
atomiche:

A) carbonio e azoto

B) carbonio, idrogeno e azoto

C) carbonio, idrogeno, azoto e ossigeno

D) azoto e ossigeno

E) carbonio, azoto e ossigeno



63. Un volume di 11,2 litri di CH4 in condizioni standard (0° C e 1 atm) ha una massa pari a grammi:

A) 8

B) 4

C) 10

D) 11

E) 16



64. Quale è il numero di ossidazione dell'idrogeno in KH (idruro di potassio)?

A) -1

B) +1

C) 0

D) -2

E) -1/2



65.

”Gli alogeni, elementi del VII gruppo del sistema periodico (dall’alto in basso fluoro, cloro, bromo, iodio ed astato), sono tipici non metalli, come si rileva dai valori molto alti dell’elettronegatività, che nel fluoro raggiunge il valore massimo di 4,0. Tutti questi elementi presentano, nell’ultimo livello, un elettrone in meno rispetto al gas nobile più vicino, e ciò spiega la loro grande facilità a formare ioni monovalenti negativi”.

Quale delle seguenti affermazioni  PUO’ essere dedotta dalla lettura del brano precedente? 


A) Nel gruppo degli alogeni l’elettronegatività è minore in basso che in alto


B) Gli ioni monovalenti negativi formati dagli alogeni presentano nell’ultimo livello 7 elettroni

C) Gli ioni monovalenti negativi formati dagli alogeni presentano nell’ultimo livello 6 elettroni

D) Nel gruppo degli alogeni l’elettronegatività è minore in alto che in basso


E) Gli alogeni presentano nell’ultimo livello 6 elettroni



66.  La sostanza NaOH puo' formare un sale reagendo con:


A) NH3

B) HBr

C) CH4

D) H2

E) H2O



67. In quale delle seguenti risposte gli elementi sono disposti nel corretto ordine crescente del potenziale di ionizzazione?

A) F, O, N, C

B) O, N, C, F

C) C, N, O, F

D) C, O, N, F

E) F, O, C, N



68. Se si vuole ottenere una soluzione acquosa a pH=4 partendo da una soluzione acquosa a pH=2, un litro di quest'ultima va diluito con acqua fino a:

A) 100 L

B) 1000 L

C) 10 L

D) 2 L

E) 6 L



69. L' unità di misura della costante di equilibrio di una reazione:

A) dipende dai valori dei coefficienti di reazione

B) è sempre un numero puro, cioè la costante è sempre adimensionale

C) è sempre moli / litri

D) è sempre litri / moli

E) dipende dalla temperatura





Test di Fisica e Matematica


70. Se A  è un numero negativo, allora (-A)0,5 è sicuramente un numero:

A) uguale a uno

B) reale

C) sempre uguale a 0,5

D) in tutti i casi: intero

E) in tutti i casi: nullo



71. Tre lampade di 50 Watt, 50 Watt e 100 Watt, rispettivamente, sono connesse in arallelo ed alimentatein corrente continua da una batteria che fornisce una tensione costante di 25 Volt. Quanto vale la corrente erogata dalla batteria?

A) 8 ampere

B) 8 coulomb

C) 4 ampere

D) Dipende dalle dimensioni della  batteria

E) 5 coulomb al secondo



72. Un gas perfetto è racchiuso in un cilindro e mantenuto a temperatura costante T. Se il suo volume viene fatto espandere lentamente fino a raggiungere il doppio del valore iniziale:

A) la pressione esercitata dal gas si dimezza

B) anche la pressione esercitata dal gas raddoppia

C) la pressione esercitata dal gas resta costante

D) la temperatura interna aumenta

E) la temperatura interna diminuisce



73. Nel gioco dei dadi, lanciando contemporaneamente due dadi, qual è la probabilità che si abbiano due facce con somma 7?

A) 5/36

B) 1/3

C) 1/7

D) 2/7

E) 1/6



74. In base alla definizione generale di logaritmo di un numero in una certa base, quanto vale il logaritmo del numero 0,0001 in base 100 (cento)?

A) 0,01

B) + 2

C) - 2

D) + 4

E) - 4



75. La propagazione di calore per conduzione è legata:

A) alla circolazione di un liquido

B) ad una differenza di temperatura

C) ad una differenza di calore

D) ad una differenza di pressione

E) ad una differenza di concentrazione



76. Un sasso lasciato cadere da 20 cm di altezza produce sulla sabbia una buca di profondità 3 mm. Se lo stesso sasso è lasciato cadere da un’altezza doppia produrrà una buca profonda (circa):

A) 6 mm

B) 12 mm

C) 1 cm

D) 2 mm

E) dipende dalla massa del sasso



77. La grandezza Q è proporzionale alla grandezza P. (cioè: Q = K*P).
Supponiamo: P =4,5; Q = 18.
Quale è il valore della costante di proporzionalità K?

A) K = 0,25

B) K = 10,5

C) K = 4

D) K = 13,5

E) K = 18



78. La probabilità che lanciando simultaneamente due dadi si ottengano due numeri la cui somma vale 11 è, rispetto alla probabilita' che si ottengano due numeri la cui somma vale 10:

A) non paragonabile, perchè si tratta di eventi diversi

B) minore

C) maggiore

D) uguale

E) circa doppia



79. log 399255040041042 e' un numero compreso tra:

A) 11 e 12

B) 13 e 14

C) 39 e 40

D) 10 e 11

E) 14 e 15



80. La somma algebrica degli scarti rispetto alla media aritmetica dei numeri -4,-3,-2,5,6,7,8 e':


A) 17

B) 35

C) 7

D) 0

E) 2,43









           Informativa Cookie